Archive for marzo, 2012

Maracatumba… non è una rumba (1949)

Regia di Edmond Lozzi

Soggetto e Sceneggiatura Gaetano Amata

Durata 103 min

Colore B/N

Genere commedia, musical

Produttore Aldo Quinti

Casa di produzione General Film

Fotografia Romolo Garroni

Montaggio Mario Bonotti, Jenner Menghi

Musiche Franco Trinacria

Scenografia Franco Fontana, Vittorio Valentini

Trucco Enrico Terenzio

Attori:

TRAMA : 

Il rag. Filippo De Bellis è innamorato d’una ballerina, Ester. Un giorno Filippo viene rapito e portato in una fattoria dove un vecchio zio, che non conosce, gli comunica d’averlo nominato erede universale. Sopraggiunge intanto la compagnia di varietà, della quale fa parte Ester. A Filippo sembra di toccare il cielo col dito; ma la figlia del fattore, d’accordo col padre, ordisce una trama per far sì che Filippo si comprometta. In tal modo potrà costringerlo a sposarla ed entrerà in possesso della pingue eredità. Accade che Filippo, trovandosi per caso sul palcoscenico, rivela insospettate attitudini e decide di dedicarsi alla carriera artistica, al fianco d’Ester. Ma durante una partita di caccia, la figlia del fattore sorprende i due innamorati. Tra le due donne ha luogo un duello a fucilate e la figlia del fattore ha la peggio. Filippo ed Ester potranno finalmente sposarsi.

Duello nell’ombra (1950)

Regia/Director: Gaetano Amata

Produzione/Production: General Film Industria Cinematografica

Attori: Renato Rachel, Paolo Stoppa

censura: 7278 del 14-02-1950

Altri titoli: Duello all’ombra

TRAMA

Il conte Perri, ricco proprietario terriero, vecchio e stravagante, ha un fattore, Silvio, che lo deruba. Costui prodiga le sue cure al padrone, malandato in salute, temendo di perdere, alla di lui morte, ogni vantaggio. Quando il vecchio chiede di Filippo, il fattore da prima non comprende a chi egli si riferisca, ma poi scopre che a Roma esiste un nipote del conte di tal nome e s’affretta a farlo venire. Filippo è uno scapestrato e uno scemo, innamorato di una ballerina, Ester, che egli lascia a malincuore; ma Silvio gli mette alle costole la sua bella figliola, Corinna, che lo adesca  sfacciatamente per costringerlo a sposarla. Questi maneggi impressionano il vecchio conte, che muore; ma il di lui spirito aiuta Francesco a scoprire molti imbrogli e lo fa vincere alla roulette, finché un consiglio sbagliato gli fa riperder tutto. Poi lo spirito guida il nipote ad un convegno con Ester; infine mentre il conte, che non era morto, si rianima, Ester e Corinna si battono a fucilate. Prevale Ester, il piano del fattore è sventato e Francesco conquista il cuore della bella Ester.

 

Return top